Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Incontro con Vera Vigevani Jarach

Giovedì 8 novembre 2018, ore 17 presso il Museo della Comunità Ebraica di Trieste. Madre di Plaza de Mayo e «militante della memoria», Vera Vigevani Jarach è stata testimone di due grandi abissi del Novecento.

Giovedì 8 novembre 2018 alle ore 17, Vera Vigevani Jarach sarà ospite presso il Museo Ebraico, in via del Monte 7.

Madre di Plaza de Mayo e «militante della memoria», Vera è stata testimone di due grandi abissi del Novecento. Nata a Milano nel 1928, dopo la promulgazione delle leggi antiebraiche si rifugia con parte della famiglia in Argentina, dove conosce Giorgio Jarach, un ebreo triestino anche lui sfuggito all’antisemitismo fascista, uno dei ragazzi espulsi dal Liceo Petrarca.
Vera perde il nonno materno, Ettore Felice Camerino, nella Shoah.
Nel 1949 sposa Giorgio e nel 1957 hanno una bambina, Franca, che a soli 18 anni viene uccisa, vittima della dittatura di Jorge Rafael Videla.

Accanto a leì ci saranno Tullia Catalan (DiSU, Università di Trieste), Mauro Tabor (Assessore alla cultura della Comunità ebraica di Trieste) e un altro testimone dell'emigrazione ebraica in Argentina a causa dell'antisemitismo fascista: il prof. Daniele Amati.
Fisico, per molti anni è stato direttore della SISSA qui a Trieste, dopo aver lavorato al CERN di Ginevra, e conobbe Vera proprio sulla nave che li portava via dall'Italia, dopo la promulgazione delle leggi razziste.

Inoltre, il 10 novembre 2018, alle ore 20, presso l'Aula Magna del Centro Internazionale di Fisica Teorica (ICTP), nell’ambito del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, Vera riceverà il Premio Salvador Allende dalle mani di rav Alexandre Meloni.

Comunità Ebraica di Trieste Via San Francesco, 19 Trieste TS 34133 Italy +39 040 371466 +39 040 371226 info@triestebraica.it http://www.triestebraica.it/assets/logo.png