Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

itinerari tematici

La monumentale Sinagoga di via San Francesco, una delle più grandi d’Europa; le vie del “ghetto“con le sue botteghe antiquarie dietro Piazza Unità; il museo della Comunità ebraica "Carlo e Vera Wagner" inerpicato sull’erta di via del Monte, cantata dal poeta Umberto Saba; la Risiera di San Sabba a imperitura memoria dell’orrore nazista; il cimitero.

Sono questi gli snodi principali, quelli più conosciuti, degli itinerari ebraici di Trieste.

Il percorso alla scoperta della storia e delle tradizioni dell’ebraismo locale include però una serie di ulteriori tappe, forse meno note ma altrettanto suggestive:

  • La corte Trauner, nei pressi dell’Arco di Riccardo, sede in cui in origine doveva sorgere il ghetto;
  • Il Civico Museo Morpurgo in via Imbriani 5, esempio di casa borghese di fine Ottocento, dimora di Carlo Marco e Giacomo Morpurgo de Nilma;
  • Il Caffè San Marco, dai primi del Novecento punto di ritrovo d’intellettuali e artisti;
  • La Libreria Antiquaria Umberto Saba, in via San Nicolò 30, rilevata dal poeta dopo la Prima guerra mondiale.
  • Palazzo Hierschel de Minerbi in corso Italia 9, edificato nel 1833 da un ricco commerciante;
  • Palazzo Treves tra Corso Italia e Via San Nicolò affacciato su via Dante;
  • Palazzo Terni, in via Dante, tra via San Nicolò e via Mazzini;
  • Casa Polacco all’angolo tra Corso Italia e via Imbriani;
  • Case Schott, grossi commercianti di lane, una in via Roma 20 e l’altra in via Ruggero Manna 1
  • Palazzo Carciotti, di fronte al mare, costruito dall’omonima famiglia greca, ospitò alla fine del Settecento un oratorio privato di rito sefardita voluto dai fratelli Camondo e fu in seguito la prima sede delle Assicurazioni Generali;
  • Palazzo Hierschel, imponente edificio neoclassico affacciato sul Canal Grande;
  • Palazzo Morpurgo, residenza di Giuseppe, che oggi ospita la Biblioteca Statale in Largo Papa Giovanni;
  • Palazzo Vivante, appartenuto al barone Fortunato Vivante, sempre in Largo Papa Giovanni.
Comunità Ebraica di Trieste Via San Francesco, 19 Trieste TS 34133 Italy +39 040 371466 +39 040 371226 info@triestebraica.it http://www.triestebraica.it/assets/logo.png